Volontariato in Cambogia. Cercasi urgentemente volontari: “ABBIAMO bisogno del vostro AIUTO; LORO hanno bisogno del vostro aiuto”.

Volontariato in Cambogia:

CERCASI VOLONTARI  per aiutare bambini e ragazzi di un piccolo villaggio cambogiano ad avere un futuro migliore;

vivi un’esperienza unica al mondo, e dona loro una speranza.

Ci troviamo a Mondulkiri, in Cambogia, nel piccolo villaggio di Potang, composta da circa 200 persone.

Anche qui, così come nel resto del mondo, i bambini hanno la possibilità di frequentare la scuola pubblica, ma il livello di istruzione fornito dalle istituzioni, almeno nei piccoli villaggi come questo, è nettamente al di sotto della media;

alcuni bambini, al termine della scuola primaria, riescono a malapena a leggere e scrivere;

e la maggioranza di loro, non avrà le possibilità di proseguire con gli studi della scuola secondaria, perché la povertà della propria famiglia lo costringerà a divenire ben presto forza lavoro.

Proprio per questo c’è bisogno del vostro aiuto.

“Siamo alla ricerca di volontari che vogliano vivere un’esperienza unica, di crescita interiore e professionale, insegnando l’inglese a bambini e ragazzi di questo piccolo villaggio cambogiano, per offrire loro la speranza di un futuro migliore”;

è questo l’appello rivoltoci da Vanleang, lui stesso nato e cresciuto in una delle tante famiglie povere cambogiane, che ha costruito, con le proprie risorse e con l’aiuto di tutta la comunità, la Volunteer School.

Si cercano volontari che abbiamo la possibilità di trasferirsi in Cambogia per uno o più mesi, al fine di creare molteplici classi di varie età, e garantire un’istruzione continua e duratura.

La speranza è quella di insegnare l’inglese ai bambini e ragazzi, e magari anche agli adulti, fondamentale per offrirgli le opportunità per un futuro migliore.

Sono offerti gratuitamente, durante tutto il periodo di volontariato, i pasti ed il trasporto giornaliero dal paese al villaggio, di cui si è fatto carico lo stesso Vanleang;

le spese di alloggio sono invece a carico del volontario, ma la Guest House Mondulkiri ha messo a disposizione dei volontari gli alloggi al costo di soli 150$ mensili.

Vanleang

Si cercano volontari disponibili a partire fin da subito, in quanto la scuola è attualmente sprovvista di insegnanti, o volontari che vogliano programmare una partenza futura.

E’ possibile inviare la propria disponibilità contattando il sign. Vanleang tramite il modulo on-line, oppure inviando un messaggio ad Animerranti, e sareste risposti entro qualche ora.

IMPORTANTE

Date le drastiche condizioni di vita e le problematiche che devono affrontare giornalmente i bambini e le loro famiglie, Animerranti ha avviato anche una raccolta di indumenti caldi e materiale scolastico, a cui chiunque puo’ collaborare spontaneamente con una semplice spedizione diretta alla scuola.

Ecco l’appello di aiuto pubblicato su facebook poco fa, con tutte le info:

Abbiamo bisogno del VOSTRO AIUTO, LORO hanno bisogno del vostro aiuto.

Ci troviamo a Mondulkiri, in Cambogia, in un piccolo villaggio di una minoranza etnica locale.

Quelli che vedete sono alcuni bambini del villaggio che, volenterosi di imparare, stanno trascorrendo la serata al freddo e al gelo, insieme a noi, alla Volunteer School, pur di seguire la nostra lezione di inglese.

Perché? Perché questo è l’unico modo che hanno di studiare!

La volunteer school non è altro che una semplice capanna, con le pareti aperte, costruita con bambù e con una lamiera che funge da tetto; il sign. Vanleang, lui stesso nato e cresciuto in una delle tante famiglie povere cambogiane, l’ha costruita con le proprie risorse e con l’aiuto di tutta la comunità; una situazione simile a tante altre nel mondo, se non fosse che il villaggio è situato in una zona montuosa poco sopra i 1000m, ed il vento costante costringe i suoi abitanti a rifugiarsi nelle proprie capanne al calar del sole.

Arriviamo al dunque!

Siamo qui da alcuni giorni, e siamo rimasti profondamente colpiti dalle condizioni di vita e dalle problematiche che devono affrontare giornalmente i bambini e le loro famiglie;

stiamo contribuendo nel nostro piccolo, con lezioni di inglese e piccoli doni, ma CON IL VOSTRO AIUTO POTREMMO FARE MOLTO DI Più.

Dopo aver parlato a lungo con l’insegnante, nonché fondatore della piccola capanna-scuola, abbiamo promesso di attivarci per raccogliere materiale scolastico e indumenti caldi per i bimbi, da inviare dall’Italia direttamente al villaggio.

PER QUESTO CHIEDIAMO IL VOSTRO AIUTO.

Potete attivarvi da soli o in gruppi, per raccogliere il materiale da inviare.

Un chiarimento importante: non si chiedono soldi, e nessuno stà lucrando su questo; non vi sono intermediari, né “Associazioni no profit”.

Invitiamo voi stessi a fare la raccolta, a preparare il pacco e ad effettuare la spedizione, inviandola direttamente presso il domicilio dell’insegnante della scuola.

I bambini hanno un età compresa tra i 3 e 10 anni, ed hanno bisogno di:

  • Ogni genere di abbigliamento caldo: giacche, piumini, pile, felpe, cappellini, guanti, pantaloni, calzini, ecc…
  • Materiale scolastico: quaderni, in qualsiasi formato e tipologia, penne, matite, gomme, pastelli, ecc

Si dispensa dall’ inviare soldi, giocattoli o altri prodotti che possano appesantire la spedizione, e che non servirebbero al fine proposto.

I costi di spedizione sono a carico del mittente, e con poste italiane il prezzo è di 40 Euro per un pacco di 3 Kili, e 50 Euro per 5 Kili.

Vi chiediamo di aiutare questi bambini facendo una raccolta, nelle vostre famiglie, e fra amici e conoscenti;

siamo pronti ad aiutarvi nel coordinarvi e mettervi in contatto con altre persone della vostra stessa città, volenterose come voi di aiutare, in modo da ottimizzare la spedizione e dividere le spese.

Appena pronti, contattateci per comunicarvi l’indirizzo ridetto dell’insegnante della scuola.

Ogni volta che ci informerete di una nuova spedizione, informeremo gli abitanti del villaggio così da essere avvisati a nostra volta all’arrivo di ognuno dei vostri pacchi, per darvi conferma della ricezione e, laddove possibile, inoltrarvi le foto ed i commenti che arriveranno di volta in volta.

Condividete questo annuncio con amici, conoscenti, familiari, e ditelo a tutti coloro che hanno dei figli; sappiamo che i vostri armadi sono grandi come i vostri cuori, pieni di cose di cui non avete più bisogno, ma che possono salvare la vita ad altri bambini.

Con i cuori pieni di gratitudine,

le vostre Animerranti

Francesco & Annalisa”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo è solo uno dei tanti villaggi che vivono la medesima realtà, e le stesse difficoltà; ma è  iniziando che forse cambieremo le cose.

Lo studio è un diritto di tutti i bambini ;

facciamo tutti parte dello stesso mondo,

siamo tutti uguali,

dovremmo godere tutti della stessa istruzione e delle stesse opportunità.

Leggi anche:

Un ringraziamento in particolare va ad alcuni degli sponsor ufficiali del Project Souls, fra cui:

Scritto da Annalisa Galloni

E se anche voi amate viaggiare e volete condividere le vostre esperienze di viaggio, esporre dubbi, o semplicemente trovare l’ispirazione, seguiteci su Facebook e su Youtubee unitevi al nostro gruppo Anime in viaggio

Facebook Comments

Commenta questo articolo

Articoli correlati

Consigli per viaggiare nel mondo

Viaggiare zaino in spalla: gli “svantaggi” di cui nessuno parla.

Oggi vi parlo di una di quelle cose di cui nessun viaggiatore parla mai, ossia gli "svantaggi", se cosí vogliamo chiamarli, del viaggiare zaino in spalla.

Asia

Disavventure in viaggio: “appesi”nel nulla.

Disavventure in viaggio parte 1°: quando le agenzie locali si comportano da veri mascalzoni. ***Disavventure in viaggio***, giorno 89, diario di viaggio, Cambogia. Ciò che viene descritto di seguito è una delle tante disavventure che Leggi tutto…

Asia

Phu Quoc Vietnam: un’isola paradisiaca, come quella dei film.

Phu Quoc Vietnam: un'isola paradisiaca dalla sabbia bianca e l'acqua cristallina. Ecco tutte le info su come raggiungerla e cosa vedere.